ARMI, PARLAMENTO ACQUISTA ELICOTTERI D’ATTACCO PER 1 MILIARDO: IL TUTTO NEL SILENZIO DEI MEDIA CORROTTI E PAGATI!
14/11/2016 85 Visualizzazioni

ARMI, PARLAMENTO ACQUISTA ELICOTTERI D’ATTACCO PER 1 MILIARDO: IL TUTTO NEL SILENZIO DEI MEDIA CORROTTI E PAGATI!

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; e bla bla bla…

Avremmo preferito che tutti questi denari fossero utilizzati per scuole, ospedali etc. Però come recita il vecchio detto latino “si vis pacem para bellum”, se vuoi la pace preparati alla guerra. L’ascesa di Trump potrebbe far venire meno l’impegno americano come scudo dell’occidente e far pericolosamente lievitare le pretese egemoniche di Putin. SPERIAMO!

Sono 8 mesi che ci rompono le palle con la loro riforma che fa risparmiare 50 milioni. Poi, senza dirci niente, spendono 1 miliardo in armi… CARO ITALIOTA, IL 4 DICEMBRE VOTA SI, COSÌ POTRANNO CONTINUARE A FARE I CAZZI LORO!!

A proposito del taglio dei costi con il Senato il Parlamento ha votato 1 miliardo in tank e elicotteri. Un miliardo di euro.

Armi, Parlamento dà l’ok all’acquisto di tank ed elicotteri d’attacco per 1 miliardo

Via libera dalle commissioni Difesa e Bilancio di Camera e Senato: l’Esercito può procedere con l’acquisto dei primi Centauro 2 prodotti dal consorzio Iveco-Oto Melara al costo di 530 milioni e dei prototipi dei Mangusta 2 prodotti da Leonardo Elicotteri per 487 milioni. Molte le perplessità che riguardano i nuovi mezzi. Innanzitutto i costi elevatissimi

Il Parlamento ha dato il via libera alla spesa di un miliardo di euro per l’acquisto di nuovi carri armati ed elicotteri da attacco per l’Esercito. Lo rende noto Mil€x, il neonato Osservatorio sulle spese militari italiane. Le commissioni Difesa e Bilancio di Camera e Senato hanno concluso l’esame dei nuovi programmi di acquisizione armamenti presentati dal Ministero della Difesa esprimendo parere favorevole (contrario solo il gruppo Cinquestelle). L’Esercito può quindi procedere con l’acquisto dei primi carri armati Centauro 2 prodotti dal consorzio Iveco-Oto Melara al costo di 530 milioni di euro e dei prototipi degli elicotteri da attacco Mangusta 2 prodotti da Leonardo Elicotteri per 487 milioni.

Come di consueto ormai per quasi tutti i maggiori programmi d’armamento della Difesa, a pagare sarà il ministero dello Sviluppo economico, integralmente per quanto riguarda gli elicotteri e prevalentemente per i carri armati. Per i carri Centauro 2 è stata finanziato solo l’acquisito della prima tranche di 50 mezzi(di cui 11 prototipi) ma l’Esercito ne vuole comprare 136. Per gli elicotteri Mangusta 2 il finanziamento riguarda solo 3 prototipi, ma il programma prevede in tutto 48 velivoli. Parliamo quindi di programmi che impegneranno i futuri governi a spendere diversi miliardi di euro

Molte le perplessità che riguardano questi nuovi mezzi. Innanzitutto i costi elevatissimi, anche tenendo conto dell’inserimento dei costi di “supporto logistico decennale” a carico del produttore. Il Centauro 2 costa quasi 11 milioni a macchina: una cifra altissima, non solo rispetto ai 2 milioni di euro del Centauro 1 e ai 4,4 milioni del carro Ariete (entrambi mezzi degli anni ’90), ma perfino ai 6,6 milioni degli omologhi blindati Freccia (in servizio da pochi anni e ancora in fase di acquisizione). Il Mangusta 2 costa addirittura 162 milioni, quasi dieci volte tanto il Mangusta 1: uno sproposito anche considerando i costi di manutenzione.

I principali dubbi riguardano la reale necessità di comprare queste nuove costosissime macchine da guerra. I 136 carri Centauro 2 si andranno a sommare ai 630 nuovi blindati da combattimento Freccia, a 181 carri armati Ariete e Leopard e 200 carri ‘Dardo’ (per citare solo i mezzi pesanti). Una forza corazzata sovradimensionata rispetto alle esigenze operative nazionali, che infatti risponde ad esigenze di natura diversa, industriale e commerciale.

Come si legge nel documento della Difesa relativo al programma, “la produzione estensiva di sistemi per il cliente nazionale è il prerequisito di referenza indispensabile ad ogni opportunità di vendita all’estero”. Cioè: ne dobbiamo comprare tanti non perché servono all’Esercito, ma per poter lanciare il prodotto sul mercato internazionale. In sostanza lo Stato si mette al servizio dell’industria militare nazionale, prima assumendosi il rischio d’impresa tramite il finanziamento di tutta la fase di progettazione, sviluppo e realizzazione dei veicoli prototipali pre-serie, poi garantendo tramite grosse commesse il finanziamento della fase di industrializzazione e produzione su vasta scala, infine agendo come procuratore di commesse estere.

Stesso discorso per gli elicotteri Mangusta 2, la cui esigenza risulta incomprensibile se si considera che i Mangusta 1 sono stati appena aggiornati alla versione ‘Delta’ compiendo – parole della Difesa – “un salto generazionale” rispetto alla precedente versione in termini di prestazioni e armamento. La logica, anche qui, è puro marketing: “Lo sviluppo del nuovo velivolo – si legge nel documento della Difesa presentato al Parlamento – collocherebbe l’industria nazionale in posizione di vantaggio sul mercato internazionalein una finestra temporale nell’ambito della quale potrebbero essere concretizzate ottime opportunità di collaborazione e/o vendita”.

Il documento cita addirittura l’esempio virtuoso del Mangusta 1 “sulla base della quale è stata sviluppata una versione per l’estero che è stata acquistata dalla Turchia” – che ora, per inciso, li usa per bombardare i villaggi curdi.

loading...
Previous RENZI IN SARDEGNA PER FARE LA SUA PROPAGANDA? 226 VOLONTARI CHE PAGHIAMO NOI!
Next BERSANI SHOCK: RENZI? UN PAZZO FURIOSO! MI PENTO DI NON AVER ASCOLTATO GRILLO!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

REFERENDUM ; IL PD USA IMPROPRIAMENTE I PATRONATI PER CAMPAGNA ELETTORALE!

 “Alcune delle iniziative che si stanno eseguendo per appoggiare il fronte del Si al referendum del 4 dicembre, sono davvero vergognose. Oltre all’eventuale voto di scambio elettorale del Pd in

News

“Monte dei Paschi? Nel 2015 ha fatto 107 milioni di utili in paradisi fiscali”: ed ora fanno pagare i loro debiti agli italiani?

La grande malata Monte dei Paschi, che ha ancora bisogno del soccorso dello Stato. Veneto Banca e Popolare di Vicenza, affossate dagli ex vertici e finite in pancia al fondo

News

MASS MEDIA E REFERENDUM: MA DAVVERO CREDETE A TUTTO QUELLO CHE VI DICONO? COSA CAMBIA, IN SOSTANZA, PER GLI ITALIANI?

Crediamo che di fronte al nulla cosmico, a nessuna volontà nè possibilità nè soprattutto capacità di fare il bene delle grandi masse, il Potere si sia rifugiato nella psicologia spicciola:

News

Dal Renzismo al Razzismo: Chicco Testa e il tweet post-referendum contro Napoli, Bari e Cagliari

Da LegaAmbiente alle lobby del nucleare, da membro del CNEL a sostenitore agguerrito per la vittoria del SI qe quindi per la sua abolizione. Chicco Testa è stato sempre un

News

#MENTANA: “DOPO IL #REFERENDUM SI TORNA AL VOTO”

Il referendum che sta per arrivare di fatto avrà conseguenze sugli equilibri della politica italiana. In caso di vittoria del No di fatto non è da escludere un ritorno alle

News

LA BUFALA DI EQUITALIA CHE CHIUDE: IMPRENDITORE SI SUICIDA DOPO AVER RICEVUTO UNA CARTELLA MALEDETTA 2 GIORNI PRIMA DEL NUOVO ANNO

Aveva ricevuto una cartella Equitalia da 20mila euro e avrebbe dovuto discutere oggi un piano di rientro del debito ma ha deciso di suicidarsi. L’uomo, 66 anni, aveva una piccola