CLAMOROSO, I CITTADINI DI NORCIA CONTRO RENZI: “PERCHE’ NON VUOI DARCI LE TENDE?”
31/10/2016 21 Visualizzazioni

CLAMOROSO, I CITTADINI DI NORCIA CONTRO RENZI: “PERCHE’ NON VUOI DARCI LE TENDE?”

“Primo, mettere in sicurezza. Ne parleremo anche oggi, nel consiglio dei ministri straordinario che abbiamo convocato per le 17, dove saranno presenti anche i 4 Presidenti di Regione, il commissario Errani e il capo della Protezione Civile Curcio”, scrive il premier che “chiude” le tendopoli: “Non possiamo avere le tende per qualche mese in montagna, sotto la neve”, spiega “Gli alberghi ci sono, per tutti. Ma molti dei nostri connazionali non vogliono lasciare quelle terre nemmeno per qualche settimana. Dunque dovremo gestire al meglio questa prima fase, l’emergenza”.
Subito dopo bisogna pensare alla ricostruzione: “Non ci sono morti, stavolta. E questa notizia ci dà enorme sollievo. Ma i danni al patrimonio abitativo, economico, culturale e religioso sono impressionanti. Questi borghi sono l’identità italiana: dovremo ricostruirli tutti, presto e bene“, dice Renzi che chiede dei lavori “a regola d’arte” e “con il controllo dell’opinione pubblica e di tutti i cittadini”: “Non va sprecato nemmeno un centesimo e dobbiamo dimostrare chi siamo: persone che – a differenza di alcune vicende del passato – sanno fare opere pubbliche senza sprechi e senza ladri“.
Ma l’idea di Renzi non piace agli abitanti di Norcia, che hanno inscenato una protesta nel campo sportivo. “Scrivetelo che devono darci le tende”, dice il signor Adolfo all’Adnkronos, “I cittadini di Norcia sono abituati al freddo, non ci spaventa. Preferiamo avere una tenda e restare vicino alle nostre case. Ho perso due case, la mia in cui vivevo prima della scossa del 26 è quella in cui ero andato in affitto. Ma voglio restare qui. Non possono prendere e portarci via o darci come alternativa solo la macchina. Devono ascoltarci. Anche perché le tende di adesso non sono teli come quelle di una volta. Sono riscaldate ci staremmo benissimo. Le aree per metterle ci sono, perché imporci gli alberghi? Per cui poi tra l’altro lo Stato spende anche un sacco di soldi?“.
“Non dovevano smontare le tende”, dicono i residenti al sindaco Nicola Alemanno, contestato nel campo sportivo, come mostra Repubblica, “Si, è vero, le case di Norcia hanno retto alle precedenti scosse, ma le tende sono state smontate troppo presto”.
loading...
Previous LA CASTA DI TRENTO E BOLZANO SI FA UN “REGALINO PER NATALE”: 80 EURO IN PIÙ AI DIPENDENTI
Next Sondaggi Tg La7: esplosione M5S, Pd paga caro la sua avidità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

LA BASTONATA DELLA ANNUNZIATA: “PERCHÉ VOTO NO AL REFERENDUM”

All’antivigilia del referendum, dalle colonne digitali dell’Huffington Post, la direttrice Lucia Annunziata annuncia il suo No alla riforma costituzionale. Una bastonata bella e buona a Matteo Renzi. Le argomentazioni delle

News

RAI, MAXI-SPOT ELETTORALE PRO-RENZI: 1 MILIONE DI EURO SPESI (Soldi tuoi!)

Uno spot elettorale per Matteo Renzi da un’ora e mezza di diretta tv, al modico costo di un milione di euro. Della Rai, e dunque nostri. Appuntamento, per chi vuole,

News

Pagati per scendere in piazza. Gli annunci sul web, “vi diamo 15 dollari all’ora per protestare contro Trump”

Seattle, 9 novembre 2016, 24 ore dopo l’elezione di Donald Trump. Leggiamo: “Combatti l’Agenda Trump! Assumiamo attivisti a tempo pieno. Washington Can! È la più radicata associazione politica no-profit del

News

IL GRANDE SCONFITTO? GIORGIONE NAPOLITANO! PECCATO CHE HA GIA’ RIDOTTO L’ITALIA IN GINOCCHIO

Il grande sconfitto? GIORGIONE NAPOLITANO! Peccato che ha gia’ ridotto l’Italia in ginocchio Dopo il risultato del referendum di ieri, molti italiani sperano vivamente che l’ex presidente Napolitano, grande sponsor

News

“ADESSO CHIEDETEMI SCUSA”: LO SFOGO DEL GENERALE RAPETTO, CACCIATO PER AVER SCOPERTO CON 4 ANNI DI ANTICIPO LA MAFIA DEI VIDEOPOKER

“Il futuro ci darà ragione” diceva Wernher von Braun, anticipando la corsa verso lo spazio in tempi in cui la missilistica era legata ai cruenti scenari di guerra. Qualcosa di

News

E’ Bufera! Al figlio di Poletti 190mila euro per aprire un giornale

Manuel Poletti, figlio del Ministro Giuliano Poletti, salito alla ribalta della cronaca politica nelle ultime ore è Direttore Responsabile di una testata giornalistica, Setteserequi, che nel 2015 ha ricevuto ben 190.000€