Denis Verdini e Angelino Alfano sono pronti a tutto per non staccare il culo dalla poltrona
11/12/2016 816 Visualizzazioni

Denis Verdini e Angelino Alfano sono pronti a tutto per non staccare il culo dalla poltrona

C’è ancora chi spera in Matteo Renzi. Anche fuori dagli uffici di largo del Nazareno. Angelino Alfano, per esempio, è uno di questi. Alleato di ferro, alfiere del Nuovo centro destra (Ncd), il ministro dell’Interno preferirebbe di gran lunga un Renzi bis a un rimpasto più accentuato, con Paolo Gentiloni magari nei panni del gran cerimoniere.

I maliziosi vedono in questa riluttanza la paura inconfessabile di non poter riconfermare i suoi ministri (sono in tutto tre i dicasteri a guida Ncd: oltre al Viminale ci sono gli Affari Regionali e la Salute). Ed è per questo che dal presidente Mattarella Alfano ha portato una proposta diversa, proprio allo scopo di stemperare l’ipotesi Gentiloni. Il suo suggerimento è più che altro un appello. Vista la situazione in cui ci troviamo (rebus della legge elettorale e crisi Monte dei Paschi), sarebbe meglio un governo di unità nazionale. Un esecutivo con dentro tutti. O meglio tutti i «responsabili». Altrimenti tanto vale tenersi il governo Renzi e pensare da subito a confezionare una nuova legge elettorale. Che ha già una fisionomia precisa per Alfano: un proporzionale con premio di maggioranza. Dopo aver incontrato Mattarella, lo stesso Alfano è corso a Palazzo Chigi per vedere Renzi. Forse per convincerlo a recedere proprio dalla sua posizione rigida nei confronti di un reincarico, venendo in questo modo incontro alla prima richiesta avanzata dallo stesso Mattarella che vorrebbe una soluzione immediata della crisi con la formazione di un Renzi-bis.

A spingere per Gentiloni invece è, secondo i bene informati, Denis Verdini. La delegazione di Ala, guidata proprio da Verdini ha espresso il suo orientamento favorevole a un Renzi-bis. Però non esclude altre formule (come appunto l’ipotesi di un governo guidato da Gentiloni). La disponibilità mostrata da Verdini è ampia. L’importante – ha fatto sapere all’inquilino del Colle – è che non si parli di «governo di scopo». Il governo cui possiamo dare la nostra fiducia, spiega Verdini, è solo un governo che abbia la sua naturale scadenza. Parole queste ultime che fanno pensare a un rimpasto che coinvolga anche la cosiddetta «stampella esterna» del governo appena decaduto. «Ne parleremo con il presidente incaricato – risponde Verdini – Al momento non possiamo né chiedere né avanzare richieste. Aspettiamo proposte».

Su una cosa oggi sono tutti d’accordo. Va trovata una nuova legge elettorale. L’immobilismo degli ultimi mesi è stato spazzato via in un attimo grazie al passo indietro di Renzi, dopo la sconfitta nel referendum del 4 dicembre scorso. Verdini offre a Mattarella il massimo sostegno al riguardo. E con lui anche il capogruppo al Senato di Ala, Lucio Barani, e il segretario di Scelta civica Enrico Zanetti oltre ad Antonio Merlo, presidente del Maie (Movimento associativo Italiani all’estero).

Il Giornale

loading...
Previous TRAVAGLIO: “IN QUALUNQUE ALTRO PAESE, UN PREMIER CHE PER MESI GIURA DI LASCIARE LA POLITICA IN CASO DI SCONFITTA, SAREBBE ASSEDIATO”
Next Terremoto Amatrice: “Ma quali casette, container da 15mq per una famiglia”. Chi si arrangia rischia “l’abuso edilizio”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

“LA CONSULTAZIONE SULL’ART. 18? INAMMISSIBILE”: COSÌ LO STATO VUOL SALVARE IL JOBS ACT

Roma Eccola la longa manus di Renzi sul governo del suo successore, arriva con la memoria depositata dall’Avvocatura di Stato che boccia il referendum sul Jobs Act. Il quesito sull’articolo

News

“LE ANTENNE TRASMETTONO REGOLARMENTE”: IL MUOS DI NISCEMI È UFFICIALMENTE OPERATIVO

Dopo sette anni di lavori ed una spesa complessiva di 7 miliardi di dollari per i quattro terminali terrestri, la Marina Militare degli Stati Uniti ha attivato anche la stazione

News

TRASPARENZA, DALLE GRADUATORIE DEI CONCORSI AGLI SCONTRINI DEI SINDACI. ECCO I SILENZI DI STATO

E’ davvero dura , ma noi cittadini dobbiamo SEMPRE denunciare i soprusi , anche quelli che sembrano banali ma soprattutto per primi NON COMMETTERNE perché solo se siamo “PULITI” abbiamo

News

Referendum, il giudice Imposimato: C’è un’assoluta contiguità tra questa riforma costituzionale e il piano di rinascita democratica della P2

Referendum, il giudice Imposimato a Radio Cusano Campus: C’è un’assoluta contiguità tra questa riforma costituzionale e il piano di rinascita democratica della P2. Giornali esteri asserviti ai poteri forti, dovrebbero

News

RENZI SCHIERA IL PLOTONE PER ABBATTERE GENTILONI: IL CONTO ALLA ROVESCIA PER STACCARE LA SPINA ALL’ESECUTIVO È PARTITO

Matteo Renzi schiera il plotone di esecuzione per abbattere il governo Gentiloni. Il conto alla rovescia per staccare la spina all’esecutivo è partito. A far scattare il countdown è stato

News

15000 imprese fallite in soli 3 mesi, però salvano le banche e dicono che siamo in ripresa…..

In soli 3 mesi hanno chiuso per fallimento ben 15.000 imprese,ma sono state salvate molte banche(a spese dei correntisti).Evviva la ripresa,l’Italia riparte Come si fa a sostenere che l’Italia stia