DI BATTISTA CONTRO GENTILONI: ‘L’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA È LA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI’

132

Durissimo attacco di Alessandro Di Battista al premier Paolo Gentiloni in aula.

Il deputato del M5S ha esordito prendendo in giro il presidente del Consiglio per le sue assenze in aula:

“Presidente Gentiloni, buongiorno. Grazie per questa sua apparizione. Più che presenze le sue ormai sono diventate apparizioni.

Lei è un maestro dell’eclisse, un professionista del dileguamento. Proprio è contento di non farsi vedere. Penso che a Palazzo Chigi dovrebbe scrivere ‘Torno subito’.

È diventato in poco tempo come Belfagor, cioè il fantasma di Palazzo Chigi… quando c’è da mettere la faccia lei non mette la faccia, quando invece è costretto ad esserci perché deve andare a Bruxelles, evidentemente è costretto a esserci e ci mette la faccia.”

Poi il deputato è passato al caso Regeni, lo studente ucciso in Egitto nel gennaio del 2016:

“Dico questo presidente, perché io ho chiesto la sua presenza in aula il 14 agosto scorso quando avete rispedito l’ambasciatore al Cairo, ho richiesto la sua presenza qui in aula, perché aveva il dovere di metterci la faccia, il 4 settembre scorso quando il presidente della Commissione Affari Esteri della Camera dei Deputati Cicchitto, che sostiene il suo governo, ha dichiarato in commissione che la morte di Regeni non era stata la prima morte di un italiano legata a ragioni di petrolio.

Dato che lei parlerà anche di questioni di sicurezza e difesa in Europa, questo è un tema politico importante. Ripeto: Cicchitto ha dichiarato in audizione che Regeni è stato ammazzato per ragioni legate al petrolio.

Io le ho scritto una lettera, presidente Gentiloni, chiedendo la sua presenza qui in aula: nulla. Perché lei, appunto, è il maestro dell’eclisse. Si è visto anche la settimana scorsa quando mette la fiducia sulla legge elettorale e non dichiara nulla.”

Di Battista ha proseguito con una critica per la drammatica situazione economica del nostro Paese:

“Io mi immagino i vostri incontri a Bruxelles. Gli altri leader europei vengono da lei: ‘Paolo buongiorno, come va in Italia? Come vanno le cose? Il PIL come va?’. ‘Benissimo, l’occupazione sale’.

Ma non è che gli dice la verità, ovvero che i dati sono dopati anche dai voucher, perché l’Istat considera occupato un cittadino italiano che si becca un voucher a settimana.”

L’esponente pentastellato ha poi lanciato un attacco al premier per la questione dell’immigrazione:

“‘E come va la questione migratoria, presidente Gentiloni, Paolo, come va?’. ‘Benissimo, abbiamo ridotto determinati flussi’.

Ma lì sono contenti in Europa, perché voi più che altro, dal punto di vista del business dell’accoglienza, spendete nella prossima finanziaria più soldi rispetto al 2016: arriviamo a circa 5 miliardi che voi spendete appunto per l’accoglienza, dimenticando, e forse non lo sanno in Europa, che l’immigrazione clandestina è diventata un business, e di fatto una nuova forma di finanziamento pubblico ai partiti.

Il partito del ministro Alfano in alcuni territori in Sicilia è legato ad alcune cooperative che mangiano sul business dell’immigrazione. Anche quello dovrebbe dire in Europa.”

Guarda il video: Di Battista contro Gentiloni: ‘L’immigrazione clandestina è la nuova forma di finanziamento pubblico ai partiti’

via Silenzi e Falsità
loading...

Potrebbe piacerti anche Altri di autore