Di Maio: “Pertini il mio modello. E’ stato un presidente che diceva le cose come stavano..”

193
loading...

Il vicepresidente M5S della Camera in un’intervista dice di ispirarsi alla figura del presidente della Repubblica degli anni Ottanta. Poi si sofferma sulla sua vita privata
di Cesare Zapperi

«Il mio modello è Sandro Pertini, è stato un presidente che diceva le cose come stavano. Nella sua storia ci sono tanti momenti in cui ha dimostrato che la coerenza è la cosa più importante. Poi è stato presidente qui alla Camera e io ho l’onore di sedere sullo stesso scranno».

Lo dice Luigi Di Maio in un’intervista a Vanity Fair, un’affermazione che sorprenderà più d’uno, visto che l’accostamento del partigiano socialista alle idee e alle posizioni del Movimento 5 Stelle non pare così immediato. Ma il vice-presidente della Camera forse non entra nel merito delle idee dell’allora presidente della Repubblica. Ne rievoca la figura capace di parlare direttamente al cuore della gente e lo indica come proprio modello di comportamento.

«Vorrei avere dei figli»

Nell’intervista al settimanale il giovane leader del M5s si sofferma anche sulla sua vita privata e il suo futuro: «Il mio futuro lo immagino in famiglia con dei figli, se tutto va bene. E un lavoro che non sarà più in politica. Prima di essere eletto stavo avviando una start-up nel mondo del web marketing. Tornerò lì perché nel Movimento abbiamo la regola dei due mandati, una volta finiti sarà quella la mia occupazione».

loading...

Quindi, il suo amore per Silvia, la compagna con la quale sta da 4 anni e che lavora nell’ufficio comunicazione di M5S. «La amo per moltissime cose. Silvia è una persona straordinaria. C’è condivisione reciproca, di e su ogni cosa» sottolinea. E lei cosa pensa dei figli? «Anche lei vorrebbe diventare madre, ne abbiamo parlato. Noi ci sentiamo già una famiglia e quando e se arriveranno bambini sarà ancora più bello».

I vaccini

E parlando di possibili figli, l’attenzione cade su un tema di attualità. Luigi Di Maio padre vaccinerebbe i suoi bambini? «Sì, ovviamente chiedendo consiglio al mio pediatra, su questo tema ci dobbiamo affidare a chi conosce la materia. Non c’è bisogno dell’obbligatorietà, credo che non serva per risolvere il gap di chi non vaccina: questi genitori vanno incontrati». La copertura vaccinale in Italia però è scesa sotto il 95%, soglia raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’immunità di gregge…

«Non credo che con le maniere forti si ottengano risultati – osserva Di Maio – i nostri esperti ribadiscono l’importanza di una cultura della raccomandazione. Dobbiamo parlare con i genitori, non costringerli con leggi dello Stato».

continua su: http://www.corriere.it/politica/17_agosto_10/di-maio-pertini-mio-modello-voglio-famiglia-figli-125f6516-7db1-11e7-a0e8-43bfc81a3761.shtml

loading...

Potrebbe piacerti anche Altri di autore