Effetto Raggi clamoroso: è saltata fuori una maxi truffa della più grande municipalizzata della Capitale
05/01/2017 21554 Visualizzazioni

Effetto Raggi clamoroso: è saltata fuori una maxi truffa della più grande municipalizzata della Capitale

Tangenti e assunzioni facili all’Ama

dialoghi-choc all’esame della Procura

«Sono entrata pagando 17 mila euro». In una chiavetta Usb 36 minuti di registrazioni scottanti sul traffico di posti di lavoro. I fatti risalgono al 2012, l’inchiesta aperta dalla scorsa estate. Coinvolto un sindacalista


Nell’azienda municipalizzata più famigerata d’Italia, quell’Ama che di gentile ha soltanto il nome e in tempi recenti ha fatto respirare ai romani i peggiori miasmi – dalla Parentopoli targata Panzironi alle convulsioni del caso Muraro, dal video con un netturbino che sniffa cocaina alle foto choc dei maiali grufolanti attorno ai cassonetti – quest’esclusiva mancava. Se ne parlava con insistenza, per la verità. Più che una voce, era un mormorio indistinto, bisbigliato da operai, autisti e capisquadra tenendo la mano davanti alla bocca. «Non lo sai? Certo che per entrare in Ama si paga!» Bene, anzi male. Fino a che oggi, finalmente, quel labiale è stato decifrato. Esisteva un tariffario non solo per le promozioni – come scoperto dal Corriere quattro anni fa – ma anche per le assunzioni: 17 mila euro et voilà, la tuta arancione era pronta. E se qualcosa andava storto, la «stecca» saliva: un posto fisso d’altronde è oro colato, come dire di no?
L’inchiesta a Piazzale Clodio è appena agli inizi, ma promette scintille. Le prove del traffico di posti di lavoro sarebbero contenute in una registrazione segretissima sulla quale sta indagando il pm Alberto Galanti, uno dei magistrati del pool «reati contro la pubblica amministrazione» guidato dal procuratore aggiunto Paolo Ielo. Le indagini, affidate alla Guardia di finanza con ipotesi di reato che vanno dall’estorsione alla corruzione, ruotano attorno a una chiavetta Usb contenente due file, della durata complessiva di 34 minuti e 36 secondi. Il plico, corredato da un testo «esplicativo» scritto da persone ben informate sulle guerre interne, era stato recapitato la scorsa estate al segretario confederale della Cisl Giovanni Luciano, al segretario della Cgil Funzione Pubblica di Roma e del Lazio Natale Di Cola, all’ex presidente dell’Ama Daniele Fortini e all’allora capo del personale, Saverio Lopes. Tra i destinatari figurava anche il Corriere, ma l’indirizzo era errato. Intoppo oggi risolto, grazie a un ulteriore, riservatissimo contatto. E ora la chiavetta è qui, sbobinata parola per parola…

Le conversazioni risalgono a fine aprile 2012: in Campidoglio comandava un Alemanno già fiaccato dalle tegole giudiziarie, prima tra tutte quella legata alla valanga di assunzioni di favore garantite in Ama dall’amico manager Franco Panzironi. I protagonisti degli audio sono tre: lei, la Spazzina Infuriata, che ha materialmente azionato il tasto «rec» del telefonino, pronta a trascinare tutti dai carabinieri pur di riavere i soldi versati (a vuoto!) per far assumere il suo compagno; lui, il Mediatore d’affari, amico della dipendente raggirata, all’epoca in servizio presso un’altra municipalizzata, che cerca di metterci una pezza e le promette di restituirle il maltolto di tasca sua; e infine il terzo personaggio, il Sindacalista Colluso, la cui voce è a tratti tremante, forse nel timore che il tappo salti. Il primo file dura 8 minuti e 47 secondi e contiene due dialoghi. La Spazzina Infuriata alza la voce con il Mediatore. «Ah, aspetta! Ti voglio dire una cosa… Lui dice che la colpa è tutta la tua».

«Lui c’aveva paura che tu lo registravi, io c’ho parlato!»(si sta riferendo al Sindacalista Colluso)

«Si, co’ che caz… lo registro? Va be’, tu sappi ‘na cosa. Lui dice che i soldi te li sei tenuti te!»

«Sì, so tutto, non ti devi preoccupa’, non me metto a fa ‘na sola a te e *** (il convivente)».

«E io lo so, lo so, lo so…»(ironica)

«Qualsiasi cosa mettimi in mezzo a me, non a loro… Mi pare che fino a ieri stava tutto tranquillo…»

«E non è tranquillo! (strilla) Perché io vojo i sol-di!! Le soluzioni so’ due anni che non le trovamo… Comunque so’ 9 mila, non so’ più 26… E quindi adesso *** ha detto che se ne fa carico…» (la Spazzina Infuriata si sta riferendo al Sindacalista Colluso: i 26 mila euro potrebbero essere il totale versato dalla coppia per entrare in Ama, ed essendo lei stata assunta grazie al versamento di 17 mila euro, come risulta dal successivo colloquio, si può dedurre che il secondo posto fisso era stato promesso in sconto, a «soli» 9 mila euro)

«Tu non me le devi di’ a me ste cose! So tutto… Domattina, quando sei libera, mi fai uno squillo, in modo che io capisco che sei te e ti richiamo». (il Mediatore teme di essere intercettato)

«Ok, ciao». «Ciao».

Il secondo dialogo è della stessa giornata, 24 aprile 2012. A registrare è ancora lei, stavolta al telefono con il Sindacalista Colluso. «Pronto?» «Eh?» «Sì, ahò, io c’ho parlato con ***(l’amico Mediatore) Eh, niente… Ci dobbiamo vedere a tre, qualcosa non quadra!».

«Nun me posso mette a litiga’!».

«Guarda, fa’ come te pare! Lui dice che ce l’hai tutti te, tu dici che ce l’ha tutti lui. Lui dice che tu non mi dici niente perché c’hai paura che te registravo. Va bè, cose dell’altro mondo! Quindi adesso ci vediamo a tre e risolviamo… Perché io mi so’ rotta le palle d’aspettà».

«No, guarda, chiamalo e andiamo dai carabinieri tutti e tre…» (tono concitato)

«Vedetela voi, oggi è lunedì, anzi martedì… Io martedì prossimo ci devo ave’ tutti i 17 mila euro se no vado dai carabinieri da sola, io nun vado co’ nessuno…» (la Spazzina Infuriata non ammette repliche. Da notare la cifra in contrasto con la precedente)

«No, la finisco subito, ma stiamo a scherza’? Qui mica stiamo a gioca’, oh!»
«Io lo so che non stiamo a gioca’, perché c’ho rimesso tutto e tu lo sai».
«Guarda, adesso vado a fa’ ‘na denuncia nei suoi confronti. Mi sono rotto i cojoni, scusami, non ce l’ho con te(il Sindacalista Colluso passa all’attacco, rincara la dose) Non pensavo una cosa del genere! Guarda, ci vogliamo vede’ tutti e tre dai carabinieri?»
«Qualsiasi cosa tu decidi va bene. Io o c’ho i soldi o vado dai carabinieri. Cioè: nun c’ho alternative» (lei non demorde)
«Non ci sono problemi. Punto (ma ci ripensa subito)Allora facciamo così, tu fai quello che devi fare… (biascica, non si capisce bene) …Se hanno fatto una truffa… Non voglio saperne più niente, quello che sta succedendo è gravissimo! Ognuno risponderà delle sue azioni. Allora a ‘sto punto non ci vediamo, se hai deciso…»
«No (lei è puntigliosa) Io non ho deciso niente! Cercavo solo di capire perché uno dà la colpa all’altro. Non voglio passa’ da cretina, eh!»
«Io non c’entro (abbassa la voce)sto fuori, ok? Ci sentiamo, ciao». E mette giù.
Il terzo colloquio risale al 28 aprile 2012 ed è il più vivace. Motore di un automezzo, sferragliare di cassonetti. Stridore di freno a mano tirato, sportello che si apre. Si salutano con un bacetto. La Spazzina Infuriata ha registrato quasi 26 minuti di dialogo per strada con l’amico Mediatore, che all’inizio le spiega come farà a pagarle la cifra dovuta («Allora, ho chiesto un finanziamento, poi la cessione del quinto… Quindi o uno o l’altro i soldi ce stanno…») I due alternano chiacchiere svagate («So’ sfinita, fa un caldo da morì»), confidenze («Come sta tu’ socera?»), sbotti di rabbia per la tangente versata «a buffo» e considerazioni amare su come tirare avanti nell’Italia della crisi: «Vuoi er posto? Lo paghi! Perché oggi il lavoro non c’è, ok. Io te li do, i soldi. Ma se lui non entra(il convivente), tu me li devi ridare su-bi-to, su-bi-to, su-bi-to!»
Il Sindacalista Colluso, presunto mandante della dazione di danaro, è il suo chiodo fisso. La Spazzina Infuriata torna a parlarne. «Loro se sarebbero potuti para’ er c… diversamente. *** è stato fortunato perché di mezzo ci sei tu e la famiglia nostra, se no da mo’ che era zompato».
Ma il Mediatore lo difende, gioca su entrambi i tavoli. «Ci sta la magistratura dentro, da voi! Lui è l’unico che non centra un caz… L’unico! Se lo so’ inc… due volte!»
«Facessero come je pare, ma sta rischiando… Poi è la spocchiezza con la quale te parla, capito? Se *** entrava (fa ancora il nome del compagno)tutto questo non sarebbe successo!»
«No, è un fatto…Il fatto è che loro(si riferisce probabilmente ai delegati sindacali) c’hanno tutto controllato… Se l’Ama tira fuori un euro, dicono: che è st’euro, a chi lo devi dà? A loro non j’entra manco uno spillo ar c…». Fino a che lei, la Spazzina Infuriata, sbotta. «Io diciassettemila euro je l’ho dati, però! Uno sull’altro…. Ta-ta-ta! Tutti contanti!» (la frase è gridata, e questa sembra una prova alquanto eclatante)
loading...
Previous Bufale, M5S e la Raggi: per i media l’importante è creare lo scandalo
Next Il siluro di Luigi Di Maio al Governo Gentiloni: “Sta pensando ad ingrassare qualche altra cooperativa amica?”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

IL GRANDE SCONFITTO? GIORGIONE NAPOLITANO! PECCATO CHE HA GIA’ RIDOTTO L’ITALIA IN GINOCCHIO

Il grande sconfitto? GIORGIONE NAPOLITANO! Peccato che ha gia’ ridotto l’Italia in ginocchio Dopo il risultato del referendum di ieri, molti italiani sperano vivamente che l’ex presidente Napolitano, grande sponsor

News

FIGURA DI MERDA EATALY: FORMAGGI E SALAMI SCADUTI E RIETICHETTATI, COME DAL PEGGIOR ..

IL FURBETTO DEL FORMAGGINO – IRREGOLARITÀ SUL CIBO DA EATALY NEW YORK: ”STRISCIA” CONSEGNA IL TAPIRO A FARINETTI – NEI PUNTI VENDITA AMERICANI SONO STATI TROVATI FORMAGGI E SALUMI SCADUTI,

News

SCAMBIO DI VOTO POLITICO MAFIOSO: LA PROCURA INGUAIA DE LUCA

Soltanto “imbecillità che non servono a niente” sulle “alici fritte”. Vincenzo De Luca segue la linea dettata dal partito. Freme il governatore della Campania, ma è costretto, dice lui, a

News

LA VITTORIA DEL SI? SERVE A RENZI PER SALVARE UNA BANCA. SAI QUAL’E’? LEGGI E DIFFONDI

All’inizio dell’anno, i guru dell’alta finanza sostenevano che Brexit e l’elezione di Donald Trump avrebbero prodotto due choc così forti da mettere a repentaglio la sopravvivenza del sistema finanziario, in

News

LO SFREGIO DELLE ASSICURAZIONI AI TERREMOTATI: QUANTO COSTA QUESTO BUSINESS

In Italia il 70% delle abitazioni si trova in zone a medio o alto rischio sismico, ma solo l’1,2% è assicurato contro i terremoti, secondo l’Ania. Ed è proprio l’associazione