“GUADAGNO 1.800 EURO E MI SPORCO PURE LE MANI”; IL FIGLIO DI POLETTI ADESSO PROVA A DIFENDERSI
21/12/2016 902 Visualizzazioni

“GUADAGNO 1.800 EURO E MI SPORCO PURE LE MANI”; IL FIGLIO DI POLETTI ADESSO PROVA A DIFENDERSI

Meglio non averli tra i piedi”. Giuliano Poletti liquida così i giovani che fuggono all’estero perché in Italia non c’è lavoro. Suo figlio, tanto, non ha di questi problemi. Come racconta oggi Paolo Bracalini sul Giornale, Manuel Poletti “si è inserito bene nel mondo del lavoro, traducendo la sua passione per il giornalismo in una brillante carriera, già direttore poco più che trentenne”. E lo fa grazie ai soldi pubblici. “Io mi sporco anche le mani – prova a difendersi – mio padre non c’entra nulla con quei soldi”.

Prima il figlio di Giuliano Poletti, ex segretario del Pci di Imola e poi consigliere Pds alla Provincia di Bologna, viene preso dall’Unità come corrispondente da Imola. Poi viene catapultato nel mondo delle coop rosse per le quali guida alcuni settimanali locali controllati dalla Legacoop.

La Media Romagna soc.coop., di cui Manuel è presidente, edita SetteSereQui. Il giornale, il cui direttore è lui stesso Manuel Poletti, è nato dalla fusione di tre precedenti testate della provincia di Ravenna e si becca i contributi pubblici all’editoria. Nel 2015 ha intascato 191mila euro, nel 2014 197mila e nel 2013 133mila. “Più di mezzo milione di euro in tre anni”, come fa notare Bracalini.

Manuel Poletti non si sente un privilegiato. Anzi, in una intervista al Fatto Quotidiano, attacca chi lo critica: “Non mi pare. Io mi sporco anche le mani, vado in tipografia e carico in auto i giornali. Da vent’anni faccio il giornalista. Nella nostra cooperativa abbiamo soltanto contratti part-time. Io guadagno circa 1800 euro al mese”.

Grazie anche al mezzo milione di euro incassato dai contributi pubblici. “Rispettando la legge”, ci tiene a sottolineare lamentando, poi, che Matteo Renzi, quando sedeva a Palazzo Chigi, “ha gestito il fondo per l’editoria con tagli retroattivi, dopo che nel 2012 la riforma Peluffo aveva già ridotto giustamente le risorse cambiando i criteri”.

Quanto alla pubblicità, non crede di dovere i quasi 250mila euro di incassi grazie alla posizione del padre che con Renzi è arrivato al ministero del Lavoro. “Abbiamo 250 inserzionisti che comprano i servizi redazionali o la pubblicità tabellare – spiega – non credo (che mio padre, ndr) abbia mai influenzato la nostra attività”.

Nell’intervista al Fatto Quotidiano Manuel Poletti parla del percorso di studi e ammette di non essersi ancora laurea. “Mi mancano pochi esami – dice – ho 42 anni, mi sono dedicato prima al lavoro e alla famiglia. Ho una bambina. E sono giornalista professionista da cinque anni”.

Fonte: qui

loading...
Previous Roma: arrestato Alvaro, commissario straordinario della Farmacie. Inchiesta partita da un esposto di Raggi
Next SALA HA FATTO TRIS! ECCO LE 3 INCHIESTE CHE NESSUNO GLI RICORDA: ALTRO CHE SOSPENSIONE. QUESTO DEVE ANDARE A CASA!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

Referendum costituzionale 2016: sondaggi choc, il No triplica il vantaggio sul Sì

Dopo le intenzioni di voto di Ipsos, oggi i sondaggi elettoralidi Ixe. Aumenta il vantaggio del No nei confronti del Sì. La settimana scorsa si trattava appena di un punto

News

“SIAMO IN MEZZO ALLA STRADA PER COLPA DI ETRURIA”: LA BANCA NON HA ROVINATO SOLO GLI AZIONISTI…

Banca Etruria non ha rovinato «solo» 140mila obbligazionisti e azionisti, che per colpa di un decreto infame si sono ritrovati, da un giorno ad un altro, senza più un soldo

News

IL MESSAGGIO DI BEPPE GRILLO AL PD E A RENZI SULLE PROSSIME ELEZIONI

di Beppe Grillo Renzi non è abituato alle elezioni, ne ha paura e crede che sia un ordigno del MoVimento 5 Stelle: “Non lascio questa arma a Grillo” ha detto

News

RENZI, UNA GAFFE DOPO L’ALTRA – LE LETTERE INVIATE IN ISRAELE DANNO GERUSALEMME IN UN ALTRO STATO, LA PALESTINA!

Gerusalemme dove sta? Secondo l’indirizzario dell’Aire, l’anagrafe degli italiani residenti all’estero, si trova ancora nella Palestina del Mandato britannico. Una curiosa questione emersa in seguito ad alcune segnalazioni di esponenti

News

Roma, raccolti mille tonnellate di rifiuti grazie ad una grande mossa della Raggi. Perchè i tg non lo dicono?

Novanta i mezzi adoperati tra compattatori, autobotti, officine mobili, innaffiatrici stradali, macchine vuota-cassonetti, spazzatrici, furgoncini per il trasbordo dei rifiuti soprattutto nel centro storico Per la notte di San Silvestro,

News

Attaccare la Raggi per colpire Di Maio ed il M5S: Quest l’obiettivo dei parassiti e i loro media

“Tutti i nodi vengono al pettine”. “Quando c’è il pettine”, aggiungeva Leonardo Sciascia in Nero su Nero (Einaudi); parlava della giustizia in tempi difficili forse più di quelli odierni. Cosa