INTERCETTAZIONE: PER BOCCHINO FINISCE MALE, SAREBBE STATO LUI A SPIEGARE A ROMEO COME FUNZIONAVA IL ‘SITEMA’..

20100908 - ROMA - CAMERA DEI DEPUTATI. Italo Bocchino, oggi 8 Settembre 2010, durante la ripresa dei lavori in Aula. ALESSANDRO DI MEO
52

Era Italo Bocchino a spiegare ad Alfredo Romeo come funzionava la corruzione.

È questa la tesi degli inquirenti dell’inchiesta che ha portato all’arresto per corruzione dell’imprenditore, di cui l’ex big di An e Fli era ufficialmente un consulente.

Nelle intercettazioni, con alcuni nomi coperti da omissis, come riporta il Corriere della Sera Bocchino avverte Romeo: “Un politico può venire da te e chiederti 60.000 euro che ti ha chiesto omissis, ma i mille pulitori sul territorio sono mille persone che danno 5.000 euro ciascuno… sono mille persone che fanno un’assunzione ciascuno… sono mille persone che quando voti si chiamano i loro dipendenti… tu i tuoi dipendenti manco sai chi sono… non te li puoi chiamare per dire votate a Tizio, a Caio o Sempronio, no? Il pulitore che c’ha cento dipendenti, quello si chiama cento famiglie e dice senti… a sindaco dobbiamo votare questo per questa ragione…”.

Questo discorso di Bocchino sull’intreccio tra politici, imprenditori e corruzione secondo il giudice che ha disposto l’arresto di Romeo rientra “tra le pagine miliari del rapporto tra cattivo politico e cattivo imprenditore“.

Fonte: qui

loading...

Potrebbe piacerti anche Altri di autore