LUIGI DI MAIO DORMIRA’ IN TENDA AD AMATRICE. CONDIVIDI QUESTO GESTO STRAORDINARIO DEL PENNTASTELLATO
29/12/2016 5093 Visualizzazioni

LUIGI DI MAIO DORMIRA’ IN TENDA AD AMATRICE. CONDIVIDI QUESTO GESTO STRAORDINARIO DEL PENNTASTELLATO

Luigi Di Maio (M5S) e Barbara Saltamartini (Lega) sono arrivati ad Amatrice, rispondendo all’appello del sindaco Sergio Pirozzi. Il primo cittadino nei giorni scorsi tramite aveva invitato tutti i parlamentari a trascorrere nel piccolo comune tre giorni tra gli sfollati.

In giornata si aggiungeranno anche il deputato del gruppo misto Antonio Matarrelli, Dorina Bianchi, vicecapogruppo Ncd alla Camera ed Elna Fattori, senatrice pentastellata.

Per capire se le leggi funzionano “bisogna rendersene conto direttamente sul territorio“. Così Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, parlando ai microfoni di Rainews24, appena arrivato ad Amatrice. Il deputato pentastellato, che ha risposto all’appello del sindaco Sergio Pirozzi, ha confermato che resterà ad Amatrice “tre giorni, come previsto dall’invito del sindaco, per capire cosa sta funzionando e cosa no. Così da portare a Roma delle migliorie – ha spiegato – di ordine legislativo“.

“Oggi sono ad Amatrice. Credo che sia stata un’idea giusta e molto importante portare i parlamentari qui ad Amatrice, su invito del sindaco Pirozzi, per tre giorni e farli rendere conto con i loro occhi di cosa stia funzionando e cosa no.
Se una legge non va, si cambia o si sistema. Immaginiamo se i parlamentari ogni mese fossero obbligati a fare la vita di ogni cittadino, se una volta al mese si ritrovassero a fare l’insegnante colpito dalla Buona Scuola, il lavoratore colpito dal Jobs Act: probabilmente smetterebbero di parlare di leggi elettorali e si occuperebbero di problemi concreti. Quanti cittadini hanno accolto con gioia buone leggi e poi si sono resi conto che non erano efficaci? Noi siamo preoccupati che tutto funzioni veramente qui e se non sta funzionando qualcosa, se ci sono dei ritardi, abbiamo il dovere sia di modificare le leggi che di stimolare gli enti preposti” queste le parole di Luigi di Maio apparse sul suo profilo Facebook.
loading...
Previous Toh, il revisore che ha bocciato il Bilancio del comune di Roma? E' imputato di bancarotta
Next L’ALLARME DI TRAVAGLIO: RAI E TV DI REGIME METTONO IL BAVAGLIO SUL PEGGIOR SCANDALO DI CORRUZIONE MONDIALE: 2,7 MILIARDI DI EURO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

BOCCIATO IL PIANO RIFIUTI PD REGIONE CAMPANIA, BOCCIATO DE LUCA! MA I TG TI RACCONTANO DELL’ALDE

“Il Ministero dell’Ambiente ha bocciato il Piano regionale dei rifiuti che era stato approvato dalla Giunta guidata dal Governatore De Luca e che era stato deliberato anche dal Consiglio Regionale

News

ANCORA MANCETTE, QUESTA VOLTA AGLI STATALI: 85 EURO IN PIÙ SULLO STIPENDIO

Trattare a oltranza per l’aumento di 85 euro destinato agli stipendi degli statali, congelati da un settennato. Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia risponde presente nella corsa verso il

News

CLAMOROSO, I CITTADINI DI NORCIA CONTRO RENZI: “PERCHE’ NON VUOI DARCI LE TENDE?”

“Primo, mettere in sicurezza. Ne parleremo anche oggi, nel consiglio dei ministri straordinario che abbiamo convocato per le 17, dove saranno presenti anche i 4 Presidenti di Regione, il commissario

News

Papà Manda Sms Al Governatore Michele Emiliano: “Mio Figlio Ha Tumore, Chiudi Subito LʼIlva”

Lo ha ricevuto sul proprio cellulare privato e ha deciso che un messaggio così forte doveva essere condiviso pubblicamente. Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha rilanciato sulla sua

News

Su 10 euro di elemosina solo 2 arrivano ai poveri!

“Si chiama Obolo di San Pietro l’aiuto economico che i fedeli offrono al Santo Padre, come segno di adesione alla sollecitudine del Successore di Pietro per le molteplici necessità della Chiesa universale

News

ATAC, RAGGI ATTACCA IL PD: “NON DOVETE TOCCARLA!”

“Vogliono togliere l’Atac ai romani ma noi non lo permetteremo! L’Atac non si tocca perché è dei cittadini che l’hanno profumatamente pagata con le loro tasse. Per anni. La strana