Ogni paese del mondo dovrebbe avere un governo come quello del Canada. Ecco Il Motivo
02/12/2016 751 Visualizzazioni

Ogni paese del mondo dovrebbe avere un governo come quello del Canada. Ecco Il Motivo

A guidare il Canada dal 4 novembre 2015 c’è il leader del partito liberale Justin Trudeau. Appena dopo aver ricevuto l’incarico scelse i suoi ministri seguendo principio molto semplice, adottabile da qualsiasi stato del mondo, ma che stranamente molti stati adottano solo in parte:
Ogni ministro è un ex professionista nel suo ambito di competenza o in un ambito ad esso affine.

Se quello della competenza fosse un requisito irrinunciabile per accedere al governo forse avremmo un mondo migliore, e un segnale importante lo ha dato il Premier canadese, circondandosi di una squadra che in quanto a competenze non è seconda a nessuno.

Ed ecco che il Ministro della salute è un dottore, ai Trasporti c’è un astronauta, alla Difesa un veterano di guerra, all’ Agricoltura un ex contadino, allo Sviluppo Economico un analista finanziario, alle Finanze un businessman di successo, alla Giustizia un procuratore capo, il ministro per lo Sport e le persone disabili è un’atleta paralimpica, il ministro della ricerca scientifica è uno scienziato che ha anche vinto un nobel.

Semplice vero? Justin Trudeau non è un genio, ha semplicemente seguito la logica….Forse il Premier canadese è stato libero di seguirla senza condizionamenti esterni…..
In ogni paese, seppur del terzo mondo, c’è almeno un soggetto competente negli ambiti sopra riportati, ma spesso i governi fanno “strane” scelte, forse condizionate da amicizie, parentele, appartenenza politica ecc, scelte che poi portano a politiche scellerate che mostrano una chiara incompetenza nei settori chiave.

Ma il governo canadese non è solo un simbolo di competenza ed efficienza ma anche di civiltà. Esso infatti è composto per metà da donne, figurano orgogliosamente un gay dichiarato, due atei, un musulmano, tre immigrati, un uomo sulla sedia a rotelle e una donna non vedente… e molti altri appartenenti a “minoranze” che non possono non avere una rappresentanza nel governo.

Quando come criterio di scelta c’è solo ed esclusivamente la competenza, non importa se un soggetto è bianco o nero, vedente o non vedente, aristocratico o povero, gay o etero, politico o non, abile o disabile, ateo o religioso,  l’unica cosa che conta è la professionalità  e l’esperienza acquisita inerente al ruolo di governo per cui è chiamato a ricoprire.
Solo in questo modo si può servire al meglio il proprio popolo.

Fonte: JedaNews

loading...
Previous Il PD approva il bilancio UE. Italiani, continuate a farvi prendere in giro? #IODICONO
Next ECCO A VOI IL CABARET DI RENZI: IN PIAZZA RACCOGLIE SOLO FISCHI E CONTESTAZIONI, NEI TEATRI METTE IN SCENA LO SPETTACOLO PER PROMUOVERE LE RAGIONI DEL SÌ

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

ECCO A VOI IL CABARET DI RENZI: IN PIAZZA RACCOGLIE SOLO FISCHI E CONTESTAZIONI, NEI TEATRI METTE IN SCENA LO SPETTACOLO PER PROMUOVERE LE RAGIONI DEL SÌ

Matteo Renzi chiude la campagna referendaria sul palcoscenico del teatro Cilea. A Reggio Calabria. Il posto più adatto al premier, almeno così sembrerebbe, dopo il suo comizio spettacolo. In sala

News

CHI HA UNA DI QUESTE AUTO POTREBBE RIMANERE A PIEDI: ECCO L’ULTIMA FOLLIA INVENTATA DALLA CASTA

Nei prossimi due anni verranno inasprite le norme che regolano i blocchi del traffico. Le diesel Euro 4 e anche le Euro 6 rischiano. La “mappa” città per città Tempi

News

Di Battista (M5s): “Dal fisco ai migranti ecco il programma. Vogliamo referendum sull’euro”

“Tornare subito al voto con la legge elettorale modificata dalla Consulta” Alessandro Di Battista, 38 anni, è il più popolare dei 5 stelle. Dibba, questo il suo soprannome, è la

News

NOTIZIA BOMBA! SCOPERTO IL MOTIVO PER CUI RENZI “COMBATTE” COSI’ TANTO PER IL SI’! A CHI VORRA’ FARE QUESTO FAVORE IL PARASSITA ?

All’inizio dell’anno, i guru dell’alta finanza sostenevano che Brexit e l’elezione di Donald Trump avrebbero prodotto due choc così forti da mettere a repentaglio la sopravvivenza del sistema finanziario, in altre parole potevano creare

News

LO SPRECO DEI MINISTERI: QUELLO STRANO CASO DEI CONSULENTI PAGATI DUE VOLTE DALLO STATO

La spending review? Troppo spesso è fatta solo a parole. Lo dimostra il caso dei dipendenti del Sogesid, società pubblica controllata dal Ministero del Tesoro, che lavorano come consulenti per

News

Dibba: “Le promesse di Renzi? Prodotti tossici”

“I titoli sono meravigliosi: Jobs Act, Buona Scuola, Sblocca Italia, oggi le riforme costituzionali; uno si fa fregare dai titoli, dalla propaganda, Renzi sta sempre in Tv, una cosa vergognosa”