Referendum: Le schede inviate agli italiani all’estero sono falsificabili. Pericolo brogli
23/11/2016 27 Visualizzazioni

Referendum: Le schede inviate agli italiani all’estero sono falsificabili. Pericolo brogli

Il premier invia una lettera a quattro milioni di italiani all’estero in cui, oltre alla spiegazione su come votare, tra una sua foto  tra i leader europei e mondiali, fa pure una propaganda per il “SI” . Intanto, il fronte del “No” teme la possibilità di brogli proprio sul voto dall’estero e protesta per cercare di capire da dove sono saltati fuori i soldi per l’invio di ben 4 milioni di missive, una operazione dal costo che va dai 4 ai 14 milioni di euro.

Il PD sostiene di essersi accollato le spese, ammontanti a una cifra tra 4 e 14 milioni di Euro: tuttavia, nel codice di spedizione presente sulla lettera, si leggono le lettere “GIPA”, sigla che sta per “Grandi imprese e Pubblica Amministrazione”. Ora, per “Pubblica Amministrazione” in genere si intende il Governo, non certo un partito. Sarebbe dunque quantomeno curioso che il Governo spendesse fino a 14 milioni di Euro per invitare a votare “sì” a una riforma che dovrebbe essere all’insegna del risparmio…

Nella busta recapitata agli italiani all’ estero, oltre alla lettera sopra descritta è ovviamente presente anche una scheda elettorale, dalla quale emerge una anomalia piuttosto inquietante: non presenta ne il timbro di sezione (che solitamente appone il presidente del seggio), ne le firme di due scrutatori come prevede la normativa. Una scheda ne vidimata ne timbrata è carta straccia priva di qualsiasi valore.

Foto

Una scheda non autenticata come quella inviata agli italiani all’ estero può essere scambiata, sostituita, e addirittura attribuita ad un altro elettore perchè non è vincolata in alcun modo.
Inoltre, secondo la normativa, il presidente del seggio dovrebbe annullare le schede non vidimate, firmarle e inserirle in una busta apposita escludendo dal voto gli elettori che le hanno utilizzate.
Quindi se l’elettore consegna una scheda non autenticata il voto va annullato e esso non può rivotare.

Cosa nasconde quindi questa “strana spedizione”? Si prevedono brogli in arrivo o è semplicemente una dimenticanza quella di non autenticare le schede?

Una cosa è certa, bisogna che il fronte del NO tenga gli occhi ben aperti sul voto degli italiani dall’ estero….

loading...
Previous EMILIO FEDE, 8MILA EURO NON MI BASTANO: E CHI MI DICE QUALCOSA, VADA AFFANCULO E A PULIRE I CESSI!
Next "C'È UN TRUCCO PER FAVORIRE IL SÌ": LA DENUNCIA DEI CONSIGLIERI RAI

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

Santa Virginia, martire pentastellata: più i media la perseguitano, più è amata

Gli italiani condannano chi ha successo e adorano i perseguitati. Paradossalmente, Berlusconi non sarebbe stato così amato se non fosse riuscito a farsi passare per un perseguitato dalle toghe rosse.

News

RENZI TI SCRIVE: DOPO LA LETTERA AGLI ITALIANI ALL’ESTERO ARRIVERA’ POSTA ANCHE A TE

Qualche giorno fa la lettera agli italiani all’estero, nel fine settimana o al massimo agli inizi della prossima invece dovrebbe partirne un’altra. Questa volta indirizzata alle famiglie italiane. Precisamente una

News

IN ARRIVO IL REFERENDUM SUL JOBS ACT: PRIMA ROGNA PER IL GOVERNO PACCHIA GENTILONI

E’ uscita poco fa la clamorosa notizia che l’ 11 gennaio la Consulta deciderà o meno di approvare il Referendum presentato dalla Cgil sul Jobs Act. Il referendum in questione chiede

News

BUONA SCUOLA: CANTI E BALLI NELL’ISTITUTO PER RENZI! VERGOGNA! SIPARIETTO DI REGIME

Siparietto di regime per il presidente del Consiglio Matteo Renzi all’istituto scolastico Pablo Neruda di Roma, in occasione della firma del protocollo d’intesa con la Bei e la Cassa depositi e prestiti per l’incremento delle risorse

News

NON SOLO PENSIONI, MA ANCHE INVALIDITA’ DORO E PRIVILEGIATE. ECCO L’ULTIMA SCOPERTA

Può esistere una pensione d’invalidità da 9mila euro al mese? Ebbene sì. Per l’esattezza 9.203 euro al mese. In un paesino del Nord dell’Italia c’è una signora che incassa ogni mese

News

A #Roma nessuno deve rimanere indietro: 18 milioni ai #servizi #sociali grazie al #M5S

I 18 milioni di euro vanno a finanziare principalmente l’assistenza agli alunni con disabilità, l’assistenza domiciliare disabili (Saish), i trasferimenti a sostegno di famiglie (Dab), i trasferimenti a sostegno di