Senatori ormai SENZA VERGOGNA: con 5mila Euro al mese NOI NON CAMPIAMO!
28/10/2016 41 Visualizzazioni

Senatori ormai SENZA VERGOGNA: con 5mila Euro al mese NOI NON CAMPIAMO!

Il tavolo è stato aperto per 2 anni, il Pd ha semplicemente ignorato la questione, e ora rimanda il testo in commissione per valutarlo dopo che per 2 anni ha fatto finta che non esistesse?

Non esiste confronto: o si è a favore o non si è a favore, basta scappatoie strumentali sul metodo, confronto, e palle che servono solo a coprire la mancanza di volontà di ridurre i costi della politica, a cominciare dagli assurdi stipendi dei nostri onorevoli parlamentari. Alla Camera verre respinta.. Con i voti di chi?? Ma vergognatevi.

Il senatore di ALA, Vincenzo D’Anna, è intervenuto ai microfoni di ECG, su Radio Cusano Campus, criticando duramente la proposta del Movimento 5 Stelle, respinta ieri dalla Camera e rinviata in Commissione, sul taglio degli stipendi per i parlamentari. “E’ una scemenza, è tutta propaganda” – ha detto l’esponente del gruppo verdiniano – “Eliminare la diaria per noi significherebbe non poter più stare a Roma ed eliminare segreterie dove poter ricevere cittadini ed amministratori, poi non bisogna lamentarsi che i politici non li si vede. Mettere a 2.500 euro lo stipendio dei parlamentari, significa che la prossima volta si troveranno in Parlamento cassaintegrati, lavoratori socialmente utili, impiegati delle poste e del catasto. Non ci sarà né un professionista, né un imprenditore, né una personalità che con 2500 euro al mese accetterebbe di fare il parlamentare”.

Vincenzo D’Anna ha proseguito: “La vera casta è quella dei magistrati, che hanno stipendi altissimi, ferie raddoppiate e non destano mai scandalo, a differenza degli stipendi dei parlamentari, che sono circa la metà rispetto a quelli dei magistrati. Ma nei confronti dei politici ormai c’è rancore, sia da parte di chi non riesce ad ottenere niente più dallo Stato sia da parte di coloro furbi e scaltri che contestano la classe politica per paura di dover perdere qualche privilegio”. Il senatore ha insistito ancora: “I Cinque Stelle, per il 98%, sono composti da persone che non avevano reddito, per loro 2500 euro al mese sono un signor stipendio. Il nostro è un mandato a tempo, non è un lavoro. In Parlamento vai a fare il legislatore, non l’amanuense. Il compito è delicatissimo, mi pare che prendere la metà di un primario ospedaliero o di un generale dell’esercito non sarebbe affatto giusto, mi sembra un avvilimento”.

“E’ uno di quegli esercizi demagogici che vanno di moda in questa Italia dove i fessi e i frustrati hanno Facebook e i social per vomitare sul mondo intero” – ha concluso D’Anna – “Io già ci rimetto guadagnando 5000 euro al mese, con 2500 euro non ci andrei nemmeno a Roma. Anche io ho una famiglia, dei figli e dei nipoti, non posso rimetterci nel fare il parlamentare. Questa lotta ad oltranza contro i parlamentari che senso ha? I Cinque Stelle campano di politica, perché erano nullatenenti e nullafacenti. Di Maio faceva lo steward, per lui 2500 euro sono un buono stipendio, ma per le personalità che sono in Parlamento no”.

loading...
Previous I numeri di Renzi? Tutte balle... Bankitalia smentisce le sue chiacchiere: "Ha aumentato tasse e debito"
Next RAI, MAXI-SPOT ELETTORALE PRO-RENZI: 1 MILIONE DI EURO SPESI (Soldi tuoi!)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

News

CHI HA PAGATO A RENZI LA VACANZA DA SULTANO IN MONTAGNA? SVELATI GLI ALTARINI DELLA CASTA PARASSITA

Giacomo Amadori per La Verità «Torno semplice cittadino. Non ho paracadute. Non ho un seggio parlamentare, non ho uno stipendio, non ho un vitalizio, non ho l’immunità. Riparto da capo,

News

TORINO: APPENDINO SCOPRE LA CLAMOROSA VORAGINE NASCOSTA DAL PARTITO DI RENZI!

IL PD A TORINO? HA BARATO SUI CONTI! APPENDINO SCOPRE LA CLAMOROSA VORAGINE NASCOSTA DAL PARTITO DI RENZI! Roma, col disastro della raccolta rifiuti e delle partecipate, e poi Torino,

News

Adesso l’ Italia dovrebbe chiedere i danni a Renzi e Napolitano! ORA VOGLIAMO IL VOTO SUBITO

La penosa disfatta per Renzi.In tutto ciò vince la democrazia dell’ Italia:un paese che ancora ci crede.ADESSO MANDATECI AL VOTO e lasciateci scegliere Gia che il governo Renzi non è

News

IN ARRIVO IL REFERENDUM SUL JOBS ACT: PRIMA ROGNA PER IL GOVERNO PACCHIA GENTILONI

E’ uscita poco fa la clamorosa notizia che l’ 11 gennaio la Consulta deciderà o meno di approvare il Referendum presentato dalla Cgil sul Jobs Act. Il referendum in questione chiede

News

Salute, ambiente e nessun esercito: il Costa Rica sta diventando il posto migliore del mondo

Anche per il 2016 il Costa Rica continua la sua corsa con le rinnovabili. Grazie all’idroelettrico che fa la parte del leone, al vento e all’energia geotermica, il paese ha

News

Con la rinuncia a parte dei loro stipendi, i 5 Stelle fanno ripartire alcune aziende italiane. E gli imprenditori ringraziano

Con la rinuncia a parte dei loro stipendi, i 5 Stelle fanno ripartire alcune aziende italiane. E gli imprenditori ringraziano. Luigi, ha ricevuto 20 mila euro grazie al fondo attivato